Dieta disintossicante… ma perchè e come disintossicarsi?




La dieta disintossicante a una tradizione antica. Una volta veniva praticata seguendo i ritmi della natura: a ogni cambio di stagione si consumavano minestre di erbe selvatiche, decotti e infusi decorativi. 

Nutraceutico o Integratore alimentare naturale consigliato: Cerotti detox Liver King - Prebiotico Plus

 

Nascono con uno scopo purificante anche il digiuno quaresimale e i digiuni rituali,come il Radaman,osservato nel mondo islamico o i “giorni di Ekadashii” della tradizione yogica, un digiuno totale, senza acqua, in base al ciclo lunare. 

La tradizione della purificazione, insomma, è collaudata e universale e anche oggi una “ pulizia” periodica a tali positivi, soprattutto per chi vive in un ambiente inquinato. I vantaggi della disintossicazione sono numerosi: il corpo si libera dalle tossine che accumula, con il risultato di una pelle più morbida, uno sguardo più luminoso e, in generale, un livello più alto di vitalità e benessere, oltre a un sensibile calo di peso e un umore più sereno. 

La via più breve, pratica ed economica della depurazione passa attraverso la cucina, che assume quindi un ruolo da protagonista. Il cibo, come dicono molte ricerche e ribadiscono ogni giorno le autorità sanitarie, influisce sensibilmente sullo stato di salute, sia in positivo sia in negativo. 

Alleggerire la dieta, imparare a portare in tavola gli alimenti, anche solo per il breve periodo di una dieta purificante garantisce benefici immediati sull’intero organismo. Ma aiuta anche a conquistare abitudini alimentari più sane, perché il corpo dopo una depurazione è più sensibile, più ricettivo e rifiuta ciò che lo danneggia. 

E insegna così che anche in cucina si può trovare la chiave del benessere 

dieta disintossicante

Perché disintossicarsi 

Normalmente si parla di disintossicazione a proposito dell’assunzione di droghe di cibi velenosi, un evento acuto o drammatico che mette severamente a repentaglio la salute. 

Il corpo umano, però, può intossicarsi anche in modo più lieve ma più insidioso: in questo caso alcune funzioni dell’organismo sono effettivamente rallentate dalla presenza di tossine ambientali ( provenienti dall’esterno) o endogene( cioè prodotte dal corpo stesso). 

E questo si riflette anche sulla salute della pelle, degli occhi, sulla capacità di concentrarsi e sull’umore. È necessario sperimentare una piccola cura disintossicante per rendersi conto di quanto sia benefica ed efficace: anche dopo solo pochi giorni sarà possibile constatare quale riserva di energia, bellezza e buonumore sia a disposizione quando l’organismo non deve continuamente difendersi dall’insidia delle tossine. 

Depurarsi non è necessario, né tanto meno utile, ingaggiare una guerra con se stessi, ma piuttosto prendersela con calma e dolcezza. Il corpo non è un nemico da combattere: al contrario, occuparsi di lui deve essere un piacere. 

In pratica significa sottoporsi a qualche sacrificio alimentare indispensabile, ma allo stesso tempo bilanciare le privazioni con tanto tempo da dedicare a se stessi. 

Massaggi, libri, musica, passeggiate e riposo: piccoli piaceri che fanno bene al corpo e allo spirito e anche aiutano a ritrovare la strada dell’armonia. 

Numeri 

Disintossicarsi è un po’ come ringiovanire, perché il corpo si rinnova continuamente e la depurazione facilita questo processo. Ecco qualche cifra: 

  • 21 giorni: tre settimane sono il tempo giusto per una disintossicazione completa; oggi è risaputo che, nel tessuto adiposo, il grasso si rinnova proprio nel nel giro di 21 giorni; 
  • 5 settimane: è il tempo che occorre per avere un” vestito” di pelle nuovo; 
  • 1 anno: in questo tempo il 98% degli atomi del corpo viene sostituito

Nutraceutico o Integratore alimentare naturale consigliato: Cerotti detox Liver King - Prebiotico Plus




  Post Correlati

Aggiungi un commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.